In un mondo dominato dalle ricerche digitali, i marketer moderni sanno che fidarsi di istinto e sensazioni non porta a nulla di buono nel mondo di oggi.

E’ un attimo che ti ritrovi con i budget svuotati da Google e Facebook, se non ti impegni seriamente a misurare i risultati di tutte le iniziative pubblicitarie.

Utilizzare un approccio “data driven“, nel processo di creazione di una strategia di marketing, non è più un’alternativa: è un prerequisito di base.

In questo podcast vediamo:

  • come individuare il corretto budget pubblicitario, ovvero come non seccare la benza prima ancora di iniziare ma neanche aprire una voragine nei conti aziendali
  • un caso reale di analisi dei dati che ci ha permesso di recuperare 5k euro / mese di fatturato per un nostro cliente, semplicemente correggendo un CSS
  • come impostare un tracciamento dei dati su un’app per individuare lacune nell’esperienza utente altrimenti invisibili

Raccogliere i “dati grezzi” (big data) e trasformarli in “dati intelligenti” (smart data) è il compito del data analyst.

Leggere questi dati per prendere decisioni strategiche migliori è ciò che fanno gli imprenditori saggi.

Ascolta il podcast con me e Francesca Rachele Isabella.

Massimo Ciotta

Massimo Ciotta

Nasce come hiker ma la sua vocazione è il marketing. Come ogni Guru che si rispetti ha una sua routine quotidiana che inizia all’alba. Nei momenti di massima concentrazione usa la tecnica del pomodoro e si nutre solo di pistacchi, ma le vere intuizioni arrivano durante le sue camminate in mezzo alla natura.